Ultimo consiglio di classe…

Questa mattina ..

ore 7.55 : ero davanti alla sala riunioni con la PP (la Prof.Principale)

ore 8.10 : si incomincia, poche parole da parte della Provviseur per descrivere l’importanza di questo ultimo consiglio di classe e del fatto che si dovrà decidere che tipo di giudizio dare ai ragazzi ed il loro significato : Avis trés Favorable, avis Favorable e deve fare il BAC, questo significa che con il primo avis, in caso di problemi o mancanza di due punti per una mansione si possono avere, con il secondo avis possono arrivare ad un punto, con l’ultimo  l’alunno non viene aiutato.

Solo 4 alunni hanno avuto :”deve fare il BAC”.

Una classe complessivamente molto buona, Cris ha avuto Avis trés favorable!!

ore: 8.55 : uscivo.

Ecco questo è stato il mio ultimo consiglio di classe.

Come mi sento?

Francamente sollevata, ho iniziato a fare i consigli di classe in 6éme, (7 anni addietro), per la classe di mia figlia, supplente in altre e titolare in altre ancora dove non vi erano rappresentanti dei genitori, penso di aver svolto il mio compito di genitore.

Si chiude un capitolo.

Se ne apre un altro.

Questa volta sarà solo di osservazione, che avverrà con una distanza di 2.400km.

Tornati…

Siamo appena rientrati da 15 giorni divisi tra Italia e Francia.

Il motivo del nostro viaggio?

Il post BAC della Figlia.

Ho potuto informami per ISEE per un eventuale iscrizione in una università italiana e posso dirvi che visto che né io né mio marito abbiamo una casa  in Italia, non  producendo reddito diretto in Italia, non sono in grado di farcelo, per cui saremmo passati alla fascia più alta per il pagamento delle tasse universitarie, arrivando a pagare 15.000euro l’anno, per una semplice laurea triennale.

Abbiamo deciso di continuare la scolarità in Francia, dove ci costa moooolto ma mooolto meno.

Tramite la scuola si è prescritta ad alcune università, io avevo mandato alcune mail nelle Grandi Scuole  per avere degli appuntamenti, cosi siamo andati diretti, portando il dossier scolastico, che di solito consiste nelle pagelle degli ultimi due anni, copia del diploma e copia dei voti del brevet, cv, lettera di motivazione, copia documento d’identità.

Di solito si deposita il dossier, che loro analizzano, poi ti danno appuntamento per il test e se lo passi, hai un colloquio. Sapendo che andavamo apposta, una volta consultato il dossier (un bel dossier della Figlia), le hanno fatto fare il test ed il colloquio nel giro di due giorni.

Venerdì, abbiamo ricevuto telefonate e mail di conferma, due test in Grandi Scuole fatti e ..è stata ammessa in entrambe, adesso deve solo scegliere quella che preferisce.

 

 

Bac Eps nr .2

Settimana scorsa i ragazzi di Terminal hanno fatto la seconda prova di BAC (Maturità) di ginnastica.

Mia figlia aveva danza contemporanea.

Erano un gruppo di 6, dovevano preparare tre coreografie con dei passi specifici e dei movimenti prestabiliti, all’esame gli esaminatori avrebbero scelto una a caso e loro dovevano eseguirla, truccati e vestiti a modo sono partiti e pare sia andata bene, la prossima prova sarà basket.

BAC di EPS

Ovvero Maturità di Ginnastica o meglio Educazione Fisica.

Non so come funzioni ora in Italia ma qui, frequentando una scuola francese, funziona cosi, ci sono TRE e dico TRE test di Educazione Fisica da passare.

Uno per ogni trimestre, il primo BAC è avvenuto lunedi, corsa di endurance di 30 minuti, ci sono diversi moduli a secondo del tipo di corsa che si vuole o si riesce  a fare, c’è una commissione di due professori, uno interno ed uno esterno (ovvero che non si conosce), si porta la convocazione e si è chiamati a turno e voilà, il primo è andato.

Se per caso si è malati, si ha una data di recupero, in caso di malattie grave il tutto viene riportato nel mese di settembre dell’anno prossimo a Bordeaux.

I voti? Non si sapranno, useranno la media dei tre voti, quindi una nota sola che andrà a far parte del totale per il voto finale del BAC.

NB: Anche quest’anno sono il genitore delegato per i consigli di classe….

Settembre…

Ultimo anno scolastico, nel senso stretto del termine…

Ultimo anno  di liceo della Figlia.

L’anno prossimo sarà in un altro Paese a 2400km di distanza.

Siamo pronti?

Non lo so, Lei non aveva molta voglia di rientrare e pensare di ricominciare a studiare tanto e ancora tanto, io devo prepararmi a fare da mangiare ad orari precisi e per più persone, avremo l’orario oggi, assorbirmi spiegazioni di filosofia e inglese, storia e letteratura francese.

Non posso più farmi gli affari miei e dormire fino alle 8.00, decidere di far quel tal lavoro all’ultimo minuto etc. tutto girerà intorno agli orari di scuola e quindi gli incastri saranno indispensabili.

Le temperature sono ancora piuttosto elevate, ma molto meno che in Italia, no tanto per dire..

Buon anno scolastico a tutti!!!

 

 

 

Siamo in Vacanza…

Scusa ma la scuola non era già finita da un pezzo?

Si, si lo era, solo che il 12 Giugno mia Figlia ha passato gli scritti del BAC anticipato di francese e scienze, visto che lei è nella sezione L , quindi linguistico e letterario, mentre l’anno prossimo passa tutte le altre materie, scritte ed orali, tranne Italiano che è un’opzione e l’esame sarà solo orale e matematica che per lei è sempre opzione solo scritto.

Poi ieri ha passato l’orale di francese, doveva portare 11 libri, (ovviamente dovevano essere letti, con riassunto e commenti e spiegazioni varie), 34 testi di letteratura classica dal Romanticismo al Rinascimento, passando per la Tragedia, più una ventina di letture analitiche di testi e poesie.

Quindi potete ben immaginare lo stress ed il nervosismo che c’era in casa,  io ho imparato un sacco di cose, anche molto noiose e che per me non servono ad una mazza, sui vari testi, perché come è ovvio ero la cavia preferita di mia Figlia per le prove, letture, spiegazioni e quant’altro.

Ieri mattina si alza e mi dice :” mi chiederanno questo testo”, si è messa a rileggerlo, riguardare appunti etc. beh glielo hanno chiesto. E’ uscita delusa perché voleva passare su altri testi che l’appassionavano di più, ma come le ho spiegato un esame è un esame, come può andare bene, come male e che la componente fortuna esiste…

La prof. che l’ha interrogata alla fine dell’interrogazione le ha detto che è andata bene.

Adesso aspettiamo solo il voto, come anche per gli scritti che dovrebbero essere pubblicati dopo l`8 luglio.

Ecco, ora si che  siamo in vacanza!!! Lei parte domani, noi tra una settimana…

Vita da espatriati…

che cosa significa?

Ve lo spiego subito, a parte che dipende dove uno è residente, perché se è all’interno della Comunità Europea è una cosa se è fuori è un’altra.

Ci sono Paesi in cui ci sono accordi bilaterali per quanto riguarda INPS and company per cui si hanno dei vantaggi, ovvero i contributi sono riconosciuti e intercambiabili ed in altri Paesi ciò non avviene, nonostante  i diversi discorsi e approcci con il Marocco.

Questo significa non avere copertura sociale di niente… ed è giusto cosi, non pago i contributi, non ho nulla in cambio, anzi qualche cosa in cambio abbiamo ovvero , previa documento del Consolato abbiamo diritto a tre mesi di mutua annuale per ospedalizzazioni urgenti, cosa molto bella e giusta, ma…

Perché Noi come italiani non possiamo pagare un TOT, in base al nostro reddito all’estero se e nel caso volessimo una copertura sanitaria italiana?

Gli stranieri ne hanno diritto Noi NO…

Ad esempio quando ho dovuto subire un intervento sono andata in Francia piuttosto che in Italia, primo per via dei tempi di attesa, secondo perché alla fine essendo a pagamento mi è costato molto ma molto meno.

Ma questo non è tutto.

Ti serve un documento devi andare al Consolato, ovvio, ma molte volte per ottenere ciò di cui hai bisogno servono settimane se non mesi per poi renderti conto che questo documento non è valido o non possono fartelo.

Ad esempio  per l’iscrizione al BAC ( esame di maturità nella scuola francese) di mia figlia hanno voluto un “certificato di nascita” che non sia più vecchio di tre mesi, e volevano l’estratto di nascita, cosa che al Consolato ti rilasciano solo un attestazione di nascita..ovviamente in doppia lingua, a parte il fatto che un “certificato di nascita” è sempre valido, perché non è  un certificato di residenza,  il fatto che sei nato è certo, al limite mi chiedi un certificato di esistenza in vita, ma va beh, questo certificato l’ho avuto tramite il comune (in Italia) dove ho registrato mia Figlia, perché è nata qui, è stata registrata qui al Consolato, ma il vero atto è in Italia, nel comune dove io risiedevo prima di venire in Marocco, nonostante io fossi iscritta AIRE, non so se mi sono spiegata bene, per fortuna eravamo in Italia nel mese di Ottobre e ho potuto farlo, l’iscrizione era entro il 15 Novembre.

Stessa trafila per l’anno prossimo, quest’anno lei passa il BAC in francese e scienze, le restanti materie all’anno successivo.