Cambio d’ora …ma che no…

Domenica scorsa abbiamo NON cambiato l’ora .

Venerdì il governo marocchino ha deciso di rimanere con l’ora legale tutto l’anno , tranne durante il mese Sacro del Ramadan, dove ritorneremo all’ora solare.

Ovviamente questa decisione ne ha portate delle altre: cambiamento degli orari nelle scuole pubbliche e private marocchine con addirittura due orari ben distinti in inverno e in estate, ad esempio in inverno i ragazzi entrano alle 9h in estate alle 8h; orari flessibili anche per le amministrazioni pubbliche …

Al momento la situazione é questa …

Quindi abbiamo lo stesso ora.

Kasbah o Qasba di Taourirt…

…continua…

. il nostro viaggio nel sud del Marocco… ultima tappa…

dopo Ait Benaddou, gli Studios, Zagora e M’hamid eccoci nel deserto… il Sahara Marocchino, Ouarzazate…

La Kasbah di Taourirt si trova a Ouarzazate e prima di riprendere la via del ritorno quindi  verso Marrakech poi Casablanca, dopo una lauta e gustosa colazione ci siamo fermati a visitarla, per noi  era la seconda volta o la terza non ricordo, come sempre molto bella, costruita con fango e paglia è una delle attrazioni di Ouarzazate, diventata museo viene principalmente utilizzata per girare scene di film, infatti l’abbiamo riconosciuta in un film che abbiamo visto poco tempo fa…

Kasbah Taourirt

(cliccare sulla foto per vedere le altre)

Al ritorno ci siamo fermati a pranzo a Marrakech , uno dei nostri posti preferiti è Café16, in una delle vie principali in centro:

Caffé 16 Marrakech

Caffé 16 Marrakech Caffé 16 Marrakech

fine…

..Il Sahara marocchino…

…continua…

…ed ecco che continua il nostro viaggio nel sud del Marocco…

dopo Ait Benaddou, gli Studios, Zagora e M’hamid eccoci nel deserto…

Siamo partiti verso le 17.00h dal Riad con una jeep ed autista, dopo un tragitto di un’ora e trenta, con due tappe per visitare il pozzo dove gli uomini del deserto vanno a prendere l’acqua, ed un’oasi poco distante, siamo arrivati al nostro accampamento, eravamo gli unici ospiti, quindi siamo stati tratti come dei re…

Noi abbiamo scelto il campo Alladin che si trova tra le dune di Erg Chegaga…

La temperatura era ancora piuttosto elevata e siamo andati subito a fare delle foto alle dune che si ergevano proprio davanti  a noi, dune di sabbia che a seconda dell’intensità della luce passava dal bianco al rosso ocra..sabbia finissima…e non è facile camminare sulle dune si scivola…:-D

Abbiamo fatto una doccia veloce per rinfrescarci e poi cenato …olive in aperitivo, insalata marocchina, tajin , frutta, ovviamente tutto buonissimo!!!

Dopo cena hanno fatto un piccolo spettacolo al quale hanno partecipa Figlia e il Suo Ragazzo ed io e Marito ce la siamo goduta…

Ovviamente dormire nelle tende era quasi impossibile visto il caldo… quindi ci hanno portato fuori i letti e abbiamo dormito sotto il cielo stellato, peccato che c’era la luna piena quindi non ci ha permesso di godere appieno delle stelle.

Il mio sonno è stato piuttosto agitato…vi lascio immaginare il perché…

Sveglia all’alba per vedere nascere il sole e poi colazione…

Un’altra oretta per rientrare a M’hamid dove avevamo lasciato l’auto e si riparte per la volta di  Ouarzazate dove avevamo prenotato per la notte…

Il Sahara Marocchino

cliccare sulla foto per vedere tute le foto

M’hamid…

…continua…

Continua il nostro viaggio nel sud del Marocco, che è stato fatto nella prima settimana di Settembre, non proprio l’ideale viste le alte temperature, ma non avevamo la possibilità di scegliere visto che la Figlia e Fidanzato avevano solo quelle date a disposizione…

Quindi dopo Ait Ben Haddou, gli Studios di Ouarzazate e Zagora, proseguiamo ancora più a sud verso M’hamid…siamo partiti con 33° per arrivare a 45°, tempo di percorrenza 2ore circa, siamo partiti dopo un’abbondante colazione e via per strade sempre più strette, chi mi ha seguita su Stories di Instagram ha potuto viverlo con noi..

Verso M’hamid..

Verso M'hamid

(cliccare sulla foto per vedere le altre foto)

Avevamo appuntamento al Riad Dar AZAWAD, la nostra partenza con affitto di un 4X4 con autista, il nostro accampamento distava circa due ore all’interno del deserto, ma tranquilli si è sempre in massima sicurezza, e non volevamo usare la nostra auto…un 4X4 da città…il nostro appuntamento era alle 16.00h alla fine siamo partiti alle 17.00h visto le alte temperature…

Abbiamo pranzato al Riad e ci siamo riposati prima di partire..il Riad è molto bello…

Dar Azawad

(cliccare sulla foto per vedere tutte le foto)

… Zagora…

…continua..

Dopo Ait Ben Haddou e gli Studios di Ouarzazate, abbiamo pranzato nella via principale da  Chez Dimitri , posto carino, anche se datato, cibo buono e prezzi ragionevoli, dove stavano pranzando due francesi con i quali ci siamo messi a chiacchierare e abbiamo scoperto che erano i proprietari della maison d’hôte di Ouarzazate dove passavamo la notte del nostro ritorno…

Dopo pranzo abbiamo ripreso la strada per fare i 163km che ci aspettavano tempo di percorrenza 3 ore destinazione finale  Zagora.

A Zagora abbiamo pernottato a Villa Zagora, eravamo i soli nel riad ed è stato molto bello, accolti benissimo e cibo abbondante e buono. C’erano 43°.

Villa Zagora

(cliccare sulla foto per vedere le altre)

Ikea…

IMG_6326

Ebbene si…ogni tanto un giretto ci sta…e si mangia pure bene, consiglio la tajin pollo olive, polpette vegetariane, muffin al cioccolato e biscotto gigante…

Ovviamente è più caro che in Europa in generale però si trova quasi tutto…i coltelli ad esempio non li vendono, come pure le piante vere, quelle finte si.

Si trova poco distante da Mohammedia facilmente raggiungibile via autostrada da Casablanca e Rabat, poco segnalata l’uscita, ma si vede…