Vivere in campagna…

Da quando vivo in Marocco ho vissuto in centro (cittadina di 100.000 abitanti), fuori città vicino al mare o meglio oceano, per 14 anni, in centro a Casablanca, per passare alla campagna, o come si dice qui il bled.

In tutti i casi ci sono stati dei pro e dei contro, in centro non trovavi parcheggio e sentivi tutti i rumori dei vicini, vicino al mare era molto umido ed in estate era invivibile per via del traffico, rumore etc., ma in inverno era la pace infinita, niente inquinamento e nessun rumore, ma molta umidità; vivere in centro a Casablanca significava metterci 10 minuti ed andare a fare la spesa, 20 minuti per andare al cinema o al centro commerciale, ma è una grande città quindi con i suoi limiti, traffico, inquinamento …

Ora da più di un anno siamo in campagna, a 8km dal centro di Mohammedia e…

Essere cosi distanti significa organizzarsi per andare a fare la spesa, ma questo però lo facevo pure prima, non dimenticarsi cose importanti, ma …svegliarsi ed essere nel verde, non sentire nessun rumore, respirare aria pura devo ammettere che è molto bello!!!

Con questo non voglio dire che non ci siano degli inconvenienti, non esiste un posto dove depositare la spazzatura, per cui la si porta in centro, non abbiamo abbastanza corrente e quindi dobbiamo compensare, non abbiamo una linea telefonica, per cui tutto tramite 3G, compreso internet, ci sono animaletti vari: topi, serpenti, rospi, cavallette, ragni di ogni forma e colore, uccelli, piccoli rapaci etc…

MA…. abbiamo l’orto, che ho scoperto essere la mia passione molto più dei fiori, mi da molta, ma molta più soddisfazione, quindi ora oltre al nostro olio d’oliva, uova, abbiamo ceci, fagioli, sedano, meloni, angurie, pomodori, insalate, barbabietole, carote, fagiolini, piselli, prezzemolo, aglio, patate, cipolle, menta, semi di girasole, (tra poco facciamo anche l’olio), farina di grano duro, integrale e semi integrale, sicuramente dimentico qualche cosa, ovviamente certe cose nell’orto non ci sono più, ma la sottoscritta ha pulito e congelato … e gli sperimenti in cucina continuano…

Quindi passo molto tempo fuori, e poco tempo al pc…mi dovete scusare…

IMG_3677

LUI  l`ho incontrato mentre raccoglievo le carote, ovviamente ho piantato un urlo ed ho spaventato cane e mucca poco distanti…era molto grosso più di una mano … ho mandato un messaggio sul gruppo family wathapp chiedendo aiuto e il Marito mi risponde: Dagli un bacio, forse si trasforma in principe azzurro!! La mia risposta è stata molto eloquente…:-D

Ouarzazate…

continua …

.. il nostro viaggio nel sud del Marocco…

dopo Ait Benaddou, gli Studios, Zagora e M’hamid eccoci nel deserto… il Sahara Marocchino….

Rientriamo dopo aver dormito nel deserto ( dormito poco per la sottoscritta), c’erano i cani che giravano intorno, poi io ho il terrore dei serpenti, ci sono passati anche vicino una carovana di dromedari servatici…

La strada da Mhamid a Ouarzazate è lunga e faticosa, anche se stanno facendo i lavori sulla strada per renderla più veloce, rimane comunque una strada di montagna, quindi pericolosa… ci siamo fermati a pranzo nello stesso riad dove avevamo dormito due notti prima a Zagora…

da M'hamid a Ouarzazate

(cliccare sulla foto per vedere le altre)

Arriviamo a Ouarzazate, nel tardo pomeriggio, questa volta fuori Ouarzazate ma sulla diga, un riad gestito da una copia di francesi in pensione molto ma molto carino…

Les Tourmalines….

Les Tourmalines

(cliccare sulla foto per vedere le altre)

… continua…

..Il Sahara marocchino…

…continua…

…ed ecco che continua il nostro viaggio nel sud del Marocco…

dopo Ait Benaddou, gli Studios, Zagora e M’hamid eccoci nel deserto…

Siamo partiti verso le 17.00h dal Riad con una jeep ed autista, dopo un tragitto di un’ora e trenta, con due tappe per visitare il pozzo dove gli uomini del deserto vanno a prendere l’acqua, ed un’oasi poco distante, siamo arrivati al nostro accampamento, eravamo gli unici ospiti, quindi siamo stati tratti come dei re…

Noi abbiamo scelto il campo Alladin che si trova tra le dune di Erg Chegaga…

La temperatura era ancora piuttosto elevata e siamo andati subito a fare delle foto alle dune che si ergevano proprio davanti  a noi, dune di sabbia che a seconda dell’intensità della luce passava dal bianco al rosso ocra..sabbia finissima…e non è facile camminare sulle dune si scivola…:-D

Abbiamo fatto una doccia veloce per rinfrescarci e poi cenato …olive in aperitivo, insalata marocchina, tajin , frutta, ovviamente tutto buonissimo!!!

Dopo cena hanno fatto un piccolo spettacolo al quale hanno partecipa Figlia e il Suo Ragazzo ed io e Marito ce la siamo goduta…

Ovviamente dormire nelle tende era quasi impossibile visto il caldo… quindi ci hanno portato fuori i letti e abbiamo dormito sotto il cielo stellato, peccato che c’era la luna piena quindi non ci ha permesso di godere appieno delle stelle.

Il mio sonno è stato piuttosto agitato…vi lascio immaginare il perché…

Sveglia all’alba per vedere nascere il sole e poi colazione…

Un’altra oretta per rientrare a M’hamid dove avevamo lasciato l’auto e si riparte per la volta di  Ouarzazate dove avevamo prenotato per la notte…

Il Sahara Marocchino

cliccare sulla foto per vedere tute le foto